SEGUICI
categorie:
agosto 3, 2011

Wwworkers. I nuovi lavoratori della Rete

Una guida utile per conoscere chi ha deciso di lasciare il posto fisso come amministratore delegato e diventare regista e produttore di una webtv. O abbandonare la sicura multinazionale alimentare per aprire il sito baubau.biz e diventare un dog-sitter e cinofilo a pagamento. Non sono persone fuori di testa ma Wwworkers, coloro che lasciano il contratto a tempo indeterminato per intraprendere una carriera autonoma sfruttando le tante possibilità che la Rete offre. Appassionati, fantasiosi, a…
categorie:

Muoviti! Il paracadute per giovani che vogliono trovare lavoro e decidere della propria vita

Quando iniziare a cercare lavoro? Dopo il diploma? Dopo la Laurea o Master? Molto prima, secondo Richard Bolles e Carol Christen, più o meno verso i 15 anni. Tra le prime cose da fare è chiarire quali sono i propri interessi e soprattutto che tipo di persona si vuole diventare e per fare questo non servono titoli di formazione ma analisi di coscienza. Fatto questo bisogna incamminarsi nella lunga via della carriera, scegliendo percorsi di…
Parliamo di:
categorie:

Il futuro del lavoro secondo Richard Donkin

Lavorare comodamente seduti a bordo piscina con un tropical fruit in mano è possibile? Secondo Richard Donkin, il più autorevole studioso britannico di lavoro e occupazione, non solo è possibile ma è il futuro stesso del lavoro che si svilupperà grazie alle nuove tecnologie. L’avvento della Rete, dei social network, e dei giovanissimi smart phone  e tablet hanno già aperto nuove frontiere sulla concezione di orari, luoghi e in generale sulla flessibilità. È in atto…
categorie:
luglio 19, 2011

Novità in materia di congedi e permessi per la maternità

Il 9 giugno 2011, il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di Decreto Legislativo in materia di congedi e permessi ma, per l’attuazione, è necessario aspettare ancora la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. In particolare per la maternità il decreto prevede nell’art. 2 il conferimento alle lavoratrici colpite da un’interruzione di gravidanza la facoltà di anticipare il rientro a lavoro a condizione di inviare al datore un preavviso di 10 giorni e presentare una doppia certificazione medica (dello specialista del Ssn e del medico competente). Tale modifica è stata inserita soprattutto per permettere un superamento più veloce del trauma attraverso il reintegro lavorativo. Nell’art. 32 del Decreto 151 veniva riconosciuta ad entrambi i genitori la facoltà di astenersi dal lavoro per 10 mesi nei primi 8 anni di vita del bambino. Il successivo art. 33 prolungava tale periodo di 3 anni in caso di figli affetti da grave handicap, sempre che non vi fosse…