SEGUICI
aprile 10, 2018

Comunicato stampa: nuova ipotesi di accordo per il collaboratori impegnati nella cooperazione internazionale

FeLSA NIdiL UilTemp e le Organizzazioni della Società Civile AOI e LINK 2007 rinnovano la disciplina di settore: indennità aggiuntive e più tutele per i lavoratori. Roma, 10 aprile 2018. FeLSA NIdiL Uiltemp hanno sottoscritto ieri, 9 aprile, l'ipotesi di accordo con AOI e LINK 2007 per la nuova disciplina dei rapporti di collaborazione nel settore della cooperazione internazionale, che recepisce anche i contenuti delle recenti riforme legislative. L’intesa riguarda circa 6 mila lavoratori operanti in Italia e all’estero, classificati in quattro profili professionali, i cui compensi vengono adeguati progressivamente a partire già dall’entrata in vigore dell’accordo e fino alla scadenza fissata al 31 marzo 2021. Introdotte importanti novità per garantire una maggiore tutela in caso di malattia, infortunio e soprattutto maternità. Alle lavoratrici madri è assicurata l’opportunità di attivare nuovi contratti di collaborazione e un’indennità sostitutiva qualora risulti impossibile prorogare il rapporto; oltre ad un contributo una tantum nelle ipotesi di astensione obbligatoria per gravidanza, di adozione o affidamento. Di rilievo il rafforzamento delle prestazioni assicurative e la previsione di una polizza sanitaria integrativa per i collaboratori che svolgono attività in Italia; così come le nuove regole in caso di recesso anticipato e risoluzione del contratto, con clausole risarcitorie che tengono conto anche delle particolari condizioni socio-ambientali di contesto. Viene confermata la rilevanza dei diritti sindacali e di informazione ed attribuito un ruolo pregnante alla Commissione Paritetica che sarà appositamente costituita. Una particolare attenzione, infine, è rivolta al tema delle attività di raccolta fondi o marketing sociale, nell’ottica condivisa di una maggiore responsabilità sociale e solidale. "Siamo soddisfatti dell’intesa raggiunta – affermano le Organizzazioni Sindacali – perché testimonia la volontà comune di costruire, attraverso lo strumento principe della contrattazione, sempre maggiori tutele in favore di lavoratori che svolgono attività molto delicate e che spesso si trovano ad operare in contesti particolarmente complessi. Ne sono un chiaro esempio gli aumenti contrattuali e le nuove garanzie che rispondono a bisogni emergenti”. Il testo dovrà essere ratificato dai collaboratori interessati per la definitiva approvazione. comunicato in formato PDF
Parliamo di: