SEGUICI
agosto 3, 2015

Melfi. Accordo in favore dei lavoratori in somministrazione

E’ stato sottoscritto il 31 luglio tra le agenzie di somministrazione operanti nel polo automobilistico di Melfi e le organizzazioni sindacali Felsa-Cisl, NIdiL-Cgil, Uiltemp un importante accordo riguardante il diritto alla continuità lavorativa per i lavoratori in somministrazione. Si tratta di oltre 500 lavoratori operanti tramite le agenzie di somministrazione presso “l’indotto Fiat” chiamato Consorzio ACM, costituito dalle imprese che definiscono i propri livelli produttivi sulla base di quanto viene richiesto da FCA. E che pertanto non segue la scelta di FCA di convertire in assunzioni dirette le assunzioni in somministrazione. Di qui il rischio che le oltre 500 persone i cui rapporti cessano in questi giorni con le agenzie di somministrazioni non avessero poi alcuna prospettiva, e dovessero votarsi nuovamente a meccanismi non sempre trasparenti per ritornare a lavorare. L’intesa raggiunta il 31 luglio stabilisce invece con chiarezza che a fronte di una ripresa va assicurata a tutti i lavoratori la continuità occupazionale; non solo, per quanto hanno operato presso il polo automobilistico di Melfi è costituito un bacino cui le agenzie si impegnano ad accedere qualora la riassunzione diretta non potesse aver luogo, ricorrendo anche ad opportune iniziativa di formazione e riqualificazione, sotto il monitoraggio di un osservatorio costituito pariteticamente dalle agenzie e dalle organizzazioni sindacali del settore. Felsa-Cisl, NIdiL-Cgil e Uiltemp ritengono l’intesa un passo importante, da replicare anche altrove a fronte di grandi concentrazioni di lavoro precario, al fine di costruire percorsi di consolidamento occupazionale per i lavoratori in somministrazione, ricorrendo anche ad un uso mirato dell’attività formativa.
Parliamo di: