SEGUICI
categorie:
novembre 22, 2016

Seminario – Dal JOBS ACT al JOBS APP – 22 Novembre 2016

La UIL invita ad una riflessione su un fenomeno, la GIG-ECONOMY, che sembra espandersi non sempre con raziocinio. Un fenomeno, questo, che appare come una grande nebulosa di cui è sempre più difficile definire i confini.  Siamo in presenza, certamente, di una rapida evoluzione delle modalità con cui si organizza il lavoro, che nasce e si sviluppa attraverso l’innovazione tecnologica; un modello che si basa su “lavoretti” (o almeno apparentemente tali), lavori occasionali, a richiesta, che sembrano appesi al filo dell’incertezza tra autonomia e subordinazione. La GIG-ECONOMY è anche rottura con i tradizionali e regolati schemi di incontro domanda/offerta di lavoro. Una modalità di incontro dove si vanno sempre più affermando iniziative imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico, tramite app, che svolgono la funzione di intermediazione, spesso nel rispetto delle regole e delle norme ma, altrettanto frequentemente, senza alcun vincolo. Quali effetti, diretti e indiretti, provoca la GIGECONOMY nel mondo del lavoro e quale impatto in termini di diritti e tutele per i “lavoratori” interessati da tale processo? Stiamo andando incontro ad una “innovazione” o “involuzione” del mercato del lavoro? A queste domande e a quelle che emergeranno nel corso del Seminario, proviamo a rispondere anche attraverso un momento di confronto con i graditissimi e preziosi interventi degli ospiti che comporranno il panel della giornata di lavoro.   Interventi: Guglielmo LOY Segretario Confederale UIL Michele FAIOLI Università di Roma Tor Vergata Matteo CRACCO co-fondatore e AD di VICKER Maurizio DEL CONTE Presidente ANPAL Carlo TURSI General Manager UBER Italia Lucia GROSSI Segretaria Generale UILTEMP Paolo PENNESI Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro Mario GRASSO UILTUCS-Sindacato Networkers LOUIS HYMAN CORNELL University New York, con videomessaggio Depliant in formato PDF
Parliamo di: