SEGUICI
categorie:
luglio 6, 2015

Stabilimenti Heineken. UIL Temp, Felsa e Nidil Taranto incontrano Adecco

Il giorno 01 luglio 2015 UIL-Temp UIL, Felsa Cisl e Nidil hanno incontrato il direttore della filiale di ADECCO Taranto, dott. Cosimo CARRIERI. Dall’incontro è emerso in sintesi quanto segue: Dal 2007 è in atto un contratto commerciale tra Adecco Taranto e Heineken Stabilimento di Massafra, che ricalca Accordo Quadro Europeo tra la Multinazionale Heineken e Adecco, quest'ultima è l'agenzia primaria che fornisce lavoratori in somministrazione per la multinazionale, ma insieme ad Adecco vi sono anche altre 3 agenzie che vengono contattate/ utilizzate ( questo accordo quadro scade a dicembre 2016) La “Adecco Taranto” dal 2007 somministra all'incirca 45 lavoratori per lo stabilimento Heineken di Massafra. Il personale impiegato ( a tutt’ora precario) costituisce un bacino di lavoratori che era prima stato assunto a tempo determinato alle dirette dipendenze con l'azienda. In seguito, lo stesso personale viene assunto attraverso la somministrazione prima con la APL “Manpower” ed in seguito ( a tutt’oggi), dall’ ADECCO Taranto. Tutto questo personale è stato (più o meno) sempre richiamato negli anni che con prestazioni saltuarie assicuravano la copertura nell’intero anno solare. A dire del responsabile Adecco, nel 2015 l'impresa utilizzatrice (Heineken ) ha comunicato ad Adecco di avere l'esigenza di una quinta squadra di operai per ragioni produttive (aumento di produzione). Tale richiesta è stata concretizzata dalla selezione direttamente dalla Heineken, 18 elementi. Pertanto, in seguito ad una richiesta con progetto a Formatemp, si è concretizzata per la prima volta una aula di lavoratori che hanno potuto frequentare un corso finanziato da FORMATEMP . La aula era composta da 18 lavoratori. In seguito a tale formazione, sono stati assunti solo 9 unità. Si è appreso che i lavoratori somministrati in forza presso la Heineken di Massafra hanno partecipato a vari momenti formativi soprattutto sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, a cura direttamente di Heineken. Ad oggi le unità in somministrazione utilizzate da Heineken sono 53/54 Proprio in data 01 luglio sono stati assunti n. 2 lavoratori (appartenenti al gruppo c.d. storico di lavoratori già impiegati dalla azienda Heineken) Da come riferito dal responsabile ADECCO, Carrieri, i lavoratori somministrati sono impiegati solo in due reparti: confezionamento e fabbricazione (invece sappiamo di certo che i ragazzi svolgono pressappoco tutti i lavori esistenti in azienda compresa la pulizia molto particolare, compreso nei turni di notte....). E’ stato dichiarato che durante l'anno l’Heineken impiega i somministrati per coprire le assenza dei lavoratori in ferie, malattie, straordinario. i contratti che vengono sottoscritti con Adecco solitamente sono mensili ma con modalità del part time verticale ( lavorano solo il fine settimana nei giorni di sabato e domenica) questo mette in fibrillazione i
lavoratori che perdono l'ammortizzatore della disoccupazione, il loro rifiuto legittimo alla prestazione lavorativa, spinge l'impresa utilizzatrice a chiamare nuovi somministrati. L'impresa utilizzatrice ha informato le parti sociali che tutelano i tempi indeterminati che pur non volendo stravolgere l'assetto del bacino storico dei somministrati, si riservano di integrare e sostituire, qualora necessario, il bacino con nuove unità in somministrazione, per nuove esigenze professionali di Heineken A fine incontro le parti presenti hanno concordato una serie di attività con un percorso unitario: 1) assemblee preliminari per raccogliere il mandato lavoratori 2) incontro con Adecco (promosso da Felsa) 3) assemblee con somministrati in Heineken (a cura di UILTEMP orientativamente per le date 20/21 luglio eventualmente oltre) 4) incontro con Heineken e direttore Campi (a cura di Nidil orientativamente per 21/22 luglio) L’impegno dei responsabili sindacali UIL, Cisl e cgil, intende rappresentare ogni lavoratore precario presente in azienda, con un solido impegno che va in un'unica direzione: la massima tutela dei lavoratori in somministrazione, attraverso un accordo che sancisca il diritto di precedenza del bacino storico dei lavoratori, traguardo importante che può essere raggiunto solo con il sostegno, il supporto delle categorie di riferimento Uila Uil , Fai Cisl, Flai Cgil. Obiettivo, questo che non può essere trascurato in nessun modo. Un obiettivo raggiungibile come dimostra ad es. l'accordo firmato con Quanta per i braccianti assunti in somministrazione è che a visto in prima fila Uila Uil, Flai Cgil - Fai Cisl. Si chiede, pertanto, alle categorie Uila Uil, Flai Cgil - Fai Cisl, un impegno comune nel quale solo con la nostra unità, possiamo cercare di tutelare in modo efficace realmente tutti. In riguardo si chiede di rimarcare l'esigenza di un incontro con Campi, con carattere di urgenza, e di superare le difficoltà dell'azienda portando i rappresentanti di UIL-Tem.P, Nidil / Felsa in delegazione (si ricorda che l'azienda non può mettere veti sulla formazione della delegazione ad un tavolo trattante). Si ringrazia il lavoro fin qui svolto con il supporto delle RSU di stabilimento che hanno collaborato e sostenuto un'azione che va in difesa dei loro colleghi in stato di somministrazione.
Parliamo di: